Mirko Zilahy

Nato a Roma nel 1974, ha conseguito un Phd presso il Trinity College di Dublino, dove ha insegnato Lingua e letteratura italiana. Collabora con la «Lettura» del Corriere della Sera ed è stato editor per Fazi e minimum fax, è traduttore letterario dall’inglese (ha tradotto, tra gli altri, il premio Pulitzer 2014 Il cardellino di Donna Tartt, il maestro del gotico Bram Stoker e il celebre bestseller Mystic River di Dennis Lehane).
È così che si uccide, il romanzo con cui ha esordito nel 2016 regalando ai lettori il personaggio di Enrico Mancini è stato un grande successo di pubblico e critica ed è stato pubblicato in 10 lingue. A concludere la “Trilogia del caos” sono seguiti La forma del buio (2017) e Così crudele è la fine (2018), mentre nel maggio del 2021 è uscito L’Uomo del Bosco, thriller geo-psicologico ambientato a Civita di Bagnoregio, la città che muore. I romanzi di Mirko Zilahy sono tutti editi da Longanesi.